“Rolando Viani. Appunti di terra e di mare”

Gennaio 11, 2018 Lascia il tuo commento

E’ in programma fino al 15 febbraio 2018, presso l’Hotel Residence Esplanade di Viareggio – Piazza Puccini, la mostra antologica di opere pittoriche di Rolando Viani, realizzata in occasione del quarantesimo anno dalla sua scomparsa.

Rolando Viani (Viareggio 12 settembre 1923 – Saint Pierre /Aosta 13 febbraio 1977) scrittore e pittore della sua Viareggio, era nipote di Lorenzo Viani (fratello di suo padre).

Completamente autodidatta si rivolge in un primo tempo alla scrittura collaborando con alcune riviste e giungendo poi alla pubblicazione dei primi racconti “I ragazzi della spiaggia” e “Il mascalzone”, cui seguiranno in tempi successivi “L’orfanotrofio” e “A Viareggio aspettiamo l’estate” oltre a vari racconti, alcuni pubblicati anche postumi.  Sempre in modo autodidatta si dedica alla pittura, specialmente negli anni dal 1960 al 1970, con una tecnica personale innovativa e sperimentale che porta nelle sue opere segni graffianti e una vivace gamma cromatica. I suoi soggetti preferiti provengono da immagini indelebili nella sua mente: strisce di mare, barche, ombrelloni, darsene spesso abitate da evanescenti figure umane sullo sfondo. Ma molte sono anche le rappresentazioni di giovani e soprattutto di donne contorte e quasi celate dietro geroglifici dalle più bizzarre e curvilinee forme.

Diverse sono le mostre che hanno esposto le sue opere, a partire dal 1959 alla Bottega dei Vageri di Viareggio per passare nel 1961 alla Galleria S. Luca di Roma e alla Galleria Le Ore di Milano nonché alla Galleria Falsetti di Prato nel 1962 e nel 1969 e alle Galerie Valdotaine di Aosta e Galleria d’Arte Incontri, di Saint Vincent.
Da ricordare soprattutto l’ultima mostra, postuma, allestita proprio nella sua Viareggio nel 2005, al Palazzo delle Muse sotto il patrocinio del Comune di Viareggio con il titolo “I segni e le parole”, mostra che ben sintetizzava l’arte letteraria e pittorica di Rolando Viani e che ebbe buon successo di pubblico e di critica. Ed è proprio ripartendo da questa mostra, volendo ricordare le indiscusse doti pittoriche di Rolando e la sua ricerca di segni in libertà, che verranno esposte opere che ripercorreranno i vari periodi dell’Artista.

Le opere provengono dalla collezione di Sandra Viani, unica erede delle opere di Rolando, sia edite che inedite, e proprio grazie a questa notevole raccolta è stato possibile organizzare una mostra dai risvolti particolari. Infatti alcune opere sono esposte con cornice adeguata ai colori ed alle forme disegnate ed altre, come ancora fresche di pennello, esposte nella loro originalità creativa su supporti di vario tipo utilizzati dall’Artista.

Tag: , ,

Categoria: , ,

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.