Quel che devo a Viareggio

ottobre 2, 2017 Lascia il tuo commento

Sono anch’io un migrante. La Toscana mi ha accolto, direi, con gentile naturalezza. A Viareggio ho incontrato il pittore Serafino Beconi, il poeta Francesco Belluomini e i poeti del Premio Camaiore agli esordi, ricordo, tra gli altri, Giberto Finzi, Giancarlo Majorino, Fabio Doplicher, Umberto Piersanti, Angelo Lumelli; vi ho respirato la vivace atmosfera culturale degli anni Settanta-Ottanta, dovuta anche alla presenza, allora molto sentita, del Premio Letterario Viareggio col suo contorno di poeti, scrittori e saggisti. Anche di pittori: al Premio si abbinava sempre una mostra d’arte, ricordo quelle di Renato Guttuso, Emilio Greco, Renzo Vespignani.

Devo a questo la mia crescita culturale, il risveglio di risorse creative sopite e la voglia di fare, che si è tradotta, per la fiducia accordatami dal comune di Viareggio e poi dalla Provincia di Lucca, in letture pubbliche di grandi poeti, convegni letterari, colloqui pubblici con poeti e scrittori accompagnati dai loro critici congeniali, incontri di scrittori con le scolaresche degli istituti superiori di Viareggio e, negli anni successivi, dell’intera Provincia di Lucca, in una mostra di poesia visiva “Spazio Suono”al Palazzo Paolina, Viareggio, curata da Luciano Caruso, Ubaldo Giacomucci, Arrigo Lora-Totino, Lamberto Pignotti, Adriano Spatola, coordinata da Francesco Belluomini.

Così ho conosciuto, oltre a quelli menzionati, il fior fiore dei poeti e degli scrittori italiani; faccio qualche nome: Mario Luzi, Piero Bigongiari, Giovanni Raboni, Maurizio Cucchi, Franco Fortini, Giorgio Caproni, Amelia Rosselli, Iolanda Insana, Giovanni Giudici, Manlio Cancogni, Stefano D’Arrigo, Antonio Porta, Mario Soldati, Cesare Garboli, Alfredo Giuliani e tanti altri.

Per finire questa brevissima nota mi piace ricordare una cosina del poeta Giorgio Caproni. Come sapete, la sua opera è stata inclusa quest’anno tra i compiti scritti agli esami di maturità. L’ho chiamato al telefono per invitarlo a partecipare ad uno degli incontri “Autori nelle scuole”. Mi ha risposto: “Guarda, rinuncio ad una chiamata dalla Germania per lo stesso giorno e vengo senz’altro a Viareggio.”

Antonio Carollo

Tag: , ,

Categoria: , , ,

Lascia un commento