IL PLATANO DI VIA INDIPENDENZA

by · 27 novembre 2011 · Categoria: Rubriche 

Questo magnifico albero nella sua veste autunnale è il Platano in via Indipendenza, nel tratto fra via Virgilio e via Savi, fotografato alcuni giorni fa. E’ stato catalogato come “albero monumentale” alla pagina 77 del libro “Parchi, giardini e alberi monumentali – guida alla flora autoctona ed esotica di Viareggio”, scritto da Peter Carlo Kugler e Stefano Cavalli nel novembre 2000 (Pezzini Editore). Alla misurazione del 2000, questo imponente esemplare di platano aveva un’altezza di 16 metri e una circonferenza (a 1,30 m. dal suolo) di 3,70 m., misure che adesso, a distanza di 11 anni, saranno considerevolmente aumentate. Basta vedere di quanto l’albero sovrasta i palazzi accanto.

La sua età – si legge nel libro – non è esattamente determinabile, ma probabilmente risale alla prima metà del 1800; si tratta con certezza di uno dei primi platani impiantati a Viareggio. Vista la veneranda età, sarebbe auspicabile che il Comune provvedesse a mettere a protezione una piccola recinzione intorno all’albero e possibilmente un cartello con la descrizione delle sue caratteristiche, così come è stato fatto al famoso ulivo ultracentenario di Piano del Quercione, nel Comune di Massarosa.
Per i cittadini e in particolar modo per i bambini, penso sia importante riconoscere e conoscere la storia degli abitanti “più vecchi” di Viareggio, per ammirarli e apprezzarne il valore.

Marielisa Beconi
Qualcosa di buono

Share |

Commenti

21 Commenti all'articolo IL PLATANO DI VIA INDIPENDENZA

  1. Batano
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 11:39
  2. Perfetto, quindi dobbiamo aspettarci che sia tagliato nei prossimi mesi, se non nei prossimi giorni.
    Infatti la sostanziale vecchiaia (“non è esattamente determinabile, ma probabilmente risale alla prima metà del 1800″), le notevoli dimensioni (“Alla misurazione del 2000, questo imponente esemplare di platano aveva un’altezza di 16 metri e una circonferenza (a 1,30 m. dal suolo) di 3,70 m., misure che adesso, a distanza di 11 anni, saranno considerevolmente aumentate”) e la pericolosità per le attività umane (“Basta vedere di quanto l’albero sovrasta i palazzi accanto”) richiederanno certamente l’intervento di una potentissima squadra comunale sotto la direzione di Athos Abbattipiante Pastechi.

    Del resto in via Indipendenza poco distante dal Platano in questioen c’erano pini centenari abbattuti vergognosamente. Ricordiamoci che per i padroni del vapore la pineta è un’area solo momentaneamente sottratta all’edificazione.

  3. Marco Ziljak
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 12:16
  4. Sicuaramente sarà fatto, soprattutto con un assessore all’ambiente come il nostro

  5. nellino
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 13:16
  6. Certo una bella potatura per accorciarne l’altezza, sarebbe utile.
    Forse, dico forse perchè non lo so, avete fatto domande agli abitanti delle palazzine circostanti, per vedere se hanno le radici in casa o nel sottosuoli(box cantina), di solito le case popolari ne sono provviste.

  7. Umberto Puccinelli
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 16:02
  8. A MARIA ELISA BECONI.
    A me non risulta che sia stato dichiarato albero monumentale …Anche se lo merita ! Ma ti riferisci ad uno studio e o pubblicazione di un AUTORE o Ti riferisci in senso legislativo? Per chiarire allego:
    Il quadro legislativo
    Il problema della tutela dei soggetti vegetali, in particolare arborei, di cospicue dimensioni, vetustà e particolare valore storico – paesaggistico, fu in passato risolto ricorrendo alle leggi 1/6/1939 n. 1089 e 26/6/1939 n. 1497; in questo modo si riuscì a porre sotto tutela gli individui posti in parchi e giardini storici, ma non quelli che si trovavano in ambienti agro – forestali, i quali, proprio in ragione dell’età e delle grandi dimensioni, viste le leggi vigenti fino al 1982, dovevano essere abbattuti, qualora il proprietario richiedesse l’autorizzazione alle autorità forestali. La regione Toscana, nel 1982, attraverso la LR 82/82, pose un vincolo sugli alberi monumentali, anche se ben pochi tra i comuni della regione procedettero alla redazione degli elenchi delle piante da tutelare. In seguito la LR 60 del 13/8/1998, in modo più esteso e specifico, ha ribadito la tutela degli alberi monumentali, anche se, allo stato attuale, la gran parte delle amministrazioni locali perdurano a non formare gli appositi elenchi, dunque non tutti i soggetti sono individuati e schedati. All’art. 3 della legge si stabilisce che l’inserimento degli alberi negli elenchi regionali avviene su proposta dei comuni; dunque il censimento degli alberi è stato inviato dal Comune di Lucca alla Regione e lo stesso Comune potrà modificare gli strumenti urbanistici vigenti, dopo l’approvazione della proposta di tutela, secondo quanto stabilito al comma sesto della suddetta legge.

  9. Umberto Puccinelli
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 16:08
  10. marielisa beconi
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 16:25
  11. Come scritto nel mio post, questo platano è stato catalogato come “albero monumentale” nel libro “Parchi, giardini e alberi monumentali – guida alla flora autoctona ed esotica di Viareggio”, scritto da Peter Carlo Kugler e Stefano Cavalli nel novembre 2000.
    Il Comune di Viareggio, nella veste dell’allora Assessore all’ambiente Mauro Rossi, commissionò al Dott. Peter C. Kugler uno studio sugli “Alberi monumentali presenti sul territorio comunale di Viareggio”, ed il libro è il risultato di tale studio.
    Il Dottor Kugler censì e commentò 18 alberi (in aggiunta ai 9 censiti dall’Ente Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli nel territorio di sua competenza) che – si legge nella presentazione del libro – “per età e dimensioni possono essere considerati come esempi di maestosità e longevità”.

  12. nellino
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 16:42
  13. A quanto sembra, in Comune, non c’è ancora un elenco delle Piante Monumentali.
    http://www.comune.viareggio.lu.it/index.php?option=com_content&view=category&id=69:verde-pubblico&Itemid=130

  14. superman
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 16:49
  15. se non è ancora catalogato, tra un pò non esisterà più ci pensa pastechiiiiiiii

  16. nellino
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 16:50
  17. marielisa beconi
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 17:25
  18. Il Regolamento del Verde Urbano (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 31 del 28 giugno 2005) all’art. 14 riguardante “Alberi Monumentali”, riporta quanto segue: “Gli alberi considerati monumentali e di interesse cittadino contenuti nell’allegato C del presente Regolamento non possono essere in nessun modo abbattuti e sono quindi esclusi da ogni previsione ad eccesione di interventi straordinari ed eccezionali considerati di interesse strategico per la città.”
    L’allegato “C” indica nr. 27 alberi, fra cui il platano (Platanus hybrida) in via Indipendenza.

  19. Max Bertoni
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 21:22
  20. Mi sembra che l’albero stia molto bene, non credo che le radici danneggino alcunché. Stavolta non ci sono proprio scuse, il platano resta al suo posto costi quel che costi.

    Ma invece come siamo messi sul fronte del Mirto? Mi sembra che la piazza Manzoni sia ancora desolatamente vuota…

  21. nellino
    in data lun, 28 nov 2011 ore: 09:40
  22. @Max Bertoni

    Forse aspettano che qualcuno regali un albero di Natale, visto che il ginepro in pineta non si può prendere.
    Il ginepro è stato l’albero di Natale dei poveri viareggini.
    Quanti ricordi che mi vengono dalla mia infanzia.
    Qualcuno l’ha avuto, come me?

  23. Paolo Pezzini
    in data lun, 28 nov 2011 ore: 09:44
  24. E’ una meraviglia.
    Per me “è” la Darsena stessa. Quando torno a Viareggio faccio la via Indipendenza verso nord, lo vedo diventare sempre più grande e vuol dire che casa è dietro l’angolo.

    Pz

  25. marcomaccioni
    in data lun, 28 nov 2011 ore: 12:16
  26. @Pastechi, o chi possa raggiungerlo con questo messaggio.
    http://www2.tree-consult.org/images/pdf/eng/BracingISA.pdf
    date un’occhiata…cioè io mi occupo di comunicazione e oltretutto personalmente gli alberi grandi non mi piacciono (ma ne faccio un discorso estetico prescindendo dall’opportunità, ovvia, di salvarli) però in 3 minuti del mio tempo ho trovato una soluzione. Se poi l’assessore mi gira mezzo stipendio sono disposto a perderne altri 3 per tradurgliela. ;-) Meno seghe e più gommini!

  27. Mario Andreozzi
    in data lun, 28 nov 2011 ore: 13:11
  28. eh! gli vuoi dare il link del sito in inglese?

  29. Maccaspacca
    in data lun, 28 nov 2011 ore: 13:14
  30. E il tiglio in via menini segato senza che nessuno dicesse niente? Anche quello era inserito in svariati libri come albero “Monumentale”……

  31. marielisa beconi
    in data lun, 28 nov 2011 ore: 16:14
  32. @ Nellino: mio padre, ogni anno a Natale, andava in pineta a prendere uno zinepro e anche la borraccina per il presepe.

    @ Maccaspacca : il Platano del Balipedio o Platano di Inaco di via Menini, (non tiglio), dovette essere abbattuto nel 2005. L’albero era sano, ma qualcuno gli buttò addosso un potente diserbante, come risultò dagli esami fatti allora, e seccò. Non è mai stato scoperto ad opera di chi l’albero sia morto.

  33. marcomaccioni
    in data lun, 28 nov 2011 ore: 16:59
  34. @Mario…se vedi in giro il Pastechi col cervello esploso…vuol dire che ha dato….un’occhiata al link!!! hehehehe :-)

  35. nellino
    in data lun, 28 nov 2011 ore: 20:39
  36. @Maccaspacca,
    Forse si riferiva al “Platano di Inaco”.
    O meglio quello che fu.
    Che faceva bella figura di sè davanti all’ex Balipedio.
    http://www.flickr.com/photos/41435058@N02/5509382833/

  37. Umberto Puccinelli
    in data mar, 29 nov 2011 ore: 11:02
  38. PER marielisa beconi
    in data dom, 27 nov 2011 ore: 17:25
    Il Regolamento del Verde Urbano (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 31 del 28 giugno 2005) all’art. 14 riguardante “Alberi Monumentali”, riporta quanto segue: “Gli alberi considerati monumentali e di interesse cittadino contenuti nell’allegato C del presente Regolamento non possono essere in nessun modo abbattuti e sono quindi esclusi da ogni previsione ad eccesione di interventi straordinari ed eccezionali considerati di interesse strategico per la città.”
    L’allegato “C” indica nr. 27 alberi, fra cui il platano (Platanus hybrida) in via Indipendenza.
    HO CAPITO MA LA MIA DOMANDA ERA UN’ALTRA !
    … cerco di spiegarmi meglio !
    Per la Legge 1 Giugno 1939, N.1089
    Tutela delle cose d’interesse Artistico o Storico
    LA TUTELA DEGLI ALBERI MONUMENTALI ed il loro inserimento in apposito elenchi deve seguire una procedura ad HOC. Il fatto che siano state individuate delle piante considerati monumentali e di interesse cittadino, mi appare soltanto un elemento locale !
    LA LEGGE 1089/39 risulta essere LEGGE NAZIONALE è altra cosa da un regolamento comunale che converrai con me è molto più labile quanto labile è la capacità culturale di chi c’amministra !
    SENZA OFFESA PER NESSUNO !
    CI MANCHEREBBE !

  39. marielisa beconi
    in data mar, 29 nov 2011 ore: 12:52
  40. @ Umberto Puccinelli: ti sei spiegato bene, e la risposta te la sei già data da te, mi sembra. Sarebbe sicuramente preferibile che gli alberi definiti monumentali dal Comune di Viareggio fossero tutelati a livello nazionale. Per il momento, però, sono tutelati dal Regolamento del Verde Urbano di cui al mio post, ed è quello che ho affermato.

Che cosa ne pensi?! Lascia un commento!

Attenzione: Questo è uno spazio aperto, a disposizione di tutti. I commenti vengono inseriti direttamente, ma la Redazione potra' in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare quelli che utilizzano un linguaggio offensivo, contengono turpiloquio, sono razzisti o sessisti o che abbiano un contenuto che costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.). In ogni caso Viareggiok non potra' essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Personalizzazione profilo

Per personalizzare il tuo profilo utente registrati al sito: Gravatar e carica una immagine. Questa sarà automaticamente visibile accanto ai tuoi commenti. Perchè il servizio funzioni occorre che l'email utilizzata per la registrazione su Gravatar sia la stessa inserita nel campo "Indirizzo Email" sottostante.

Per lasciare un commento è necessario effettuare l'accesso al sito.