Le corse con i “caretti”

ottobre 27, 2016 Lascia il tuo commento

Per costruire un “caretto” occorrono: 4 tavolette, 4 bastoni ricavati dai manici di scopa, 4 cuscinetti a sfera, di diverse circonferenze, gli anteriori più piccoli dei posteriori, un pezzo di corda.

Come si vede dal disegno la costruzione è molto semplice, i quattro bastoni hanno lunghezze diverse, i due più lunghi con le quattro tavolette formano il telaio, mentre i due più corti che fungono da assali, sono di diversa misura, più corto l’anteriore e più lungo il posteriore, a questi ultimi si fissano i cuscinetti. Il bastone posteriore è fisso l’altro, l’anteriore mobile, tramite
una corda fissata agli estremi del bastone funge da volante e permette di manovrare il “caretto” che, si muove autonomamente in discesa, altrimenti sul piano occorre un propulsore. L’equipaggio quindi era composto da due persone: un ragazzo che spingeva, il propulsore, e l’altro, il pilota, alla guida.

Tratto da “Prendo i mì ciottolini e vado a gioà sul mi sogliolo” di Beppe Bertuccelli, una rassegna di giochi, di filastrocche di ninnananne di tempi ormai passati, quando si poteva ancora giocare nella strada sotto casa, quando costruivamo i nostri giochi usando anche materiali di recupero.

Categoria:

Lascia un commento